MOSTRE di BEPI RABATA PITTORE
Pietro Giuseppe Dal Zotto, 1898-1973, Cogollo del Cengio (VI)

LE CASE COME SONO

gennaio 2001


86.01

68.02

71.01

65.04

69.04

65.01

72.02

65.09
Molte tele del Rabata hanno per soggetto vedute di Cogollo del Cengio e perciò rappresentano la crescita organica delle sue dimore. Le case prima crebbero nelle forme tradizionali, dovute all'addizione di nuovi corpi (in pietra).Crebbero poi con il superfetare forsennato di vanetti pensili e balconi (in forati o in blocchi).
Come edile, l'impresario P.G. Dal Zotto è un artefice entusiasta di consimili trasformazioni, che magari poi riprende come artista (il Bepi Rabata pittore) a soggetto dei suoi dipinti. Lungi da lui perciò, qualsiasi nostalgia, qualsiasi intenzione pittoresca di scorci paesani tradizionali. I suoi quadri sono elaboratissime e minuziose istantanee che non escludono nulla: alla finestra ci sono i personaggi dell'epoca, sotto casa le loro automobili.
Come minimo, dunque, dei documenti storici, per quanto spietati e commossi.(...)Al di là di eventuali appartenenze paesane, ci si vede una storia per lo meno europea. Ma c'è ancora di più: le case costruite e poi dipinte dal Rabata pittore-muratore ci fanno guardare anche dentro di noi, laggiù dove si fonda l'archetipo di "casa". L'archetipo che osiamo disegnare soltanto da piccini, col tetto rosso a punta e il comignolo che fuma.
Estratto da "Prime note..."

HOME | Accoglienza | Mostre | Galleria |  Archivio | Progetto | Commenti | CONTATTO |